Tesi di tirocinio

DESCRIZIONE AZIENDA

La Sicilia, anticamente considerata dai romani "granaio d'Italia", è una regione a vocazione prettamente cerealicola; non a caso sono presenti aziende che operano la selezione, lo stoccaggio e la commercializzazione delle sementi, la stragrande maggioranza delle quali sono localizzate in prossimità delle aree di maggior diffusione della coltura di grano duro :entroterra siciliano ossia le province di Enna e Caltanissetta.

La società commerciale F.lli Menzo s.a.s. ha la sua sede a Piazza Armerina (EN) in C/da Ramata e dispone di varie aziende utilizzate sia per la sperimentazione che per la riproduzione di seme tecnico di frumento e leguminose da foraggio, tra cui una sita in C/da Piano di Barche - Cutura, agro di Enna , estesa circa 22 ha e una sita in C/da Mangiadote, agro di Enna estesa circa 25 ha (l'azienda negli ultimi anni ha comunque investito, aumentando notevolmente le superfici disponibili alla coltivazione).

L'attività prevalente della società F.lli Menzo s.a.s. è, attualmente, l'attività sementiera, la moltiplicazione e vendita di sementi di cereali a paglia e leguminose da foraggio, la costituzione e relativa diffusione di nuove varietà. Dal 2006 la suddetta società  ha pressoché raddoppiato la potenzialità di stoccaggio di cereali e leguminose portandola da circa 60000 q a circa 130000 q.

La società dispone di una buona dotazione di attrezzi agricoli che comprende, trattori, erpici, seminatrici ecc... anche quelle dedicate alla sperimentazione e per per la ricerca scientifica (seminatrice  parcellare,  mietitrebbia parcellare, sgranatrice mono spiga o pianta singola da banco) e alla lavorazione delle sementi. La società per quanto riguarda il settore della ricerca, si avvale della collaborazione del Dott. agronomo Ugo Salvatore Timpanaro e della Dott.ssa Menzo Virginia.

Lo stabilimento si compone di:

  • ingresso con stazione di pesatura a bilico;
  • ingresso con sala d'attesa
  • ufficio direzionale
  • sala riunioni
  • ufficio ricerca
  • locale pesatura
  • ufficio ragioneria
  • sala convegni
  • n°3 capannoni
  • varie fosse per la ricezione grano;
  • 4 silos da 1000 tonnellate cadauno, per stoccaggio grano mercantile;
  • 6 silos da 300 tonnellate cadauno per stoccaggio di cereali minori e leguminose;
  • 10 silos di varia capacità per un totale di 5000 tonnellate per lo stoccaggio di grano da seme.
  • laboratorio, attualmente sito in contrada Piano di Barche, per effettuare le opportune valutazioni qualitative (contenuto proteico, glutine, colore, peso ettolitrico, effettuate con apparecchiatura infratec 1241, mulinetto, glutomatic, vagli per la semola, colorimetro e distillatore)[1];
  • impianti fotovoltaici ricoprenti le tettoie di ogni singolo capannone.
  • un impianto per la selezione del seme.

Particolare cura viene dedicata all'impianto di selezione del seme.

La linea di lavorazione si compone di prepulitore, tarara, selezionatrice a tavola gravimetrica; dopo queste fasi  il seme, prima dell'insacco e della palettizzazione normalmente subisce un processo di concia.

 

ATTIVITA’

Le attività dell'azienda  F.lli Menzo, sono:

  1. L’ammasso che viene effettuato durante i periodi di raccolta; le graminacee e le leguminose raccolte destinate ai mulini ed a mangimifici, vengono stoccate in modo differenziato.
  2. Selezione delle sementi destinate alla diffusione delle varietà, grazie alla stretta collaborazione con aziende agricole che moltiplicano il seme tecnico.
  3. Lavorazione di sementi di seconda riproduzione.
  4. Costituzione di nuove varietà vegetali, grano duro "k26", "Isola", "Orizzonte", Vicia sativadenominata "Ereica", tutte regolarmente iscritte al registro nazionale; il seme di prima riproduzione viene venduto agli agricoltori, con i quali l'azienda stipula un contratto di riproduzione che presenta all’INRAN ex ENSE (ente nazionale sementi elette) entro il mese di marzo dell’anno successivo alla semina.

Nei mesi di giugno-luglio l’azienda ritira il grano di seconda riproduzione, che successivamente viene pulito e confezionato attraverso un impianto di lavorazione del seme, che è costituito dai seguenti corpi:

  • Prepulitore: la funzione del prepulitore con aspirazione è quella di rimuovere le polveri fini, lolla e paglia; è dotato di un sistema di aspirazione ad aria e di una serie di crivelli oscillanti che permettono l'eliminazione dei corpi estranei.
  • Tarara: rifinisce il lavoro effettuato dal prepulitore; si compone essenzialmente di un ventilatore e di griglie che vengono fatte vibrare da un motore; il getto d'aria emesso dal ventilatore separa le sementi dalle altre parti non utili sfruttando la diversa dimensione e peso delle varie parti.
  • Selezionatrice a tavola gravimetrica: la tavola gravimetrica serve per la separazione dei semi leggeri a basso peso specifico e con maggiore rugosità superficiale come i semi vuoti o vestiti. Grazie all'operato di tale macchina si otterrà la separazione verso l'alto degli scarti e verso il basso dei corpi pesanti, pieni e vestiti,  caratterizzati chiaramente da un peso specifico superiore.
  • Concia del seme: viene effettuata con prodotti diversi, fra cui vengono privilegiati quelli biologici ( es: CEDOMON) allo scopo di proteggere il seme durante la fase di germinazione ed emergenza dalla presenza di parassiti fungini che potrebbero compromettere il raccolto. Il CEDOMON svolge un'azione multi sito, unica rispetto a tutti gli altri concianti, anche quelli contenenti principi attivi di sintesi: - efficacia diretta contro le malattie attraverso la produzione di sostanze fungitossiche; - Induzione di resistenza nelle piante; - Competizione diretta contro i patogeni vegetali; - effetto biostimolante sulle colture.
  • Insaccatrice e palettizzazione con funzione di confezionare cereali e leguminose in sacchi di nylon di 25 e 50 kg; quest’ultimi vengono poi accatastati su pedane in legno e avvolte con film plastici estensibili, con l'ausilio di un macchinario noto come avvolgipallet (macchina semiautomatica che compatta i sacchi nelle pedane).

L’impianto, ha una capacità produttiva di 10 t/h.

La semente, così selezionata e confezionata, viene cartellinata ed è pronta per essere utilizzata dagli agricoltori per la futura semina.

I benefici della certificazione sono molteplici: vantaggi

agronomici ed economici inerenti la quantità (resa) e la qualità del raccolto, certezza sulla varietà utilizzata, aspetti questi indispensabili per la tracciabilità, le caratteristiche fitosanitarie, la germinabilità e la purezza del seme.

In particolare il seme certificato garantisce l’origine del materiale e quindi l’identità varietale e le sue caratteristiche, quindi la possibilità di accesso all’innovazione varietale.

La certezza della varietà garantisce anche la tracciabilità della produzione nella filiera, aspetto oggi importantissimo.

Inoltre, il seme certificato assicura la purezza genetica (assenza di specie diverse e di semi di infestanti) e germinabilità elevata.

Solo investendo in "certificazione" si possono raggiungere i migliori risultati quanti-qualitativi che da ogni ambiente agro-climatico si possono ottenere. Una germinabilità elevata è direttamente correlata all'assenza di erbe infestanti, che, qualora presenti, andrebbero a creare fenomeni di competizione inficiandola qualità del raccolto.

5. La ditta inoltre effettua la commercializzazione di concimi minerali e di prodotti fitosanitari e di varietà di specie diverse.

  • Frumento: K26, Orizzonte, Isola, Simeto, Rusticano;
  • Avena: Rogar 8;
  • Orzo: Ponente;
  • Veccia: Ereica; Veccia di Narbona, Gran Veliero
  • inoltre sono presenti specie minori come Trifoglio, Trigonella, Favino, Favetta, Sulla, Loietto.

In particolare la varietà K26 è commercializzata sia in altre regioni italiane (Puglia, Molise, Basilicata, Toscana), sia all'estero (Grecia , Spagna, Francia, Turchia, Romania, Tunisia) il tutto grazie ad uno spiccato spirito imprenditoriale rivolto all'innovazione che  ha portato l'azienda a partecipare a prestigiose fiere internazionali (MERSIN, AMSTERDAM), per pubblicizzare il lavoro svolto con la collaborazione di vari operatori tecnici di agronomi e biologi da appena 15 anni e che è caratterizzato da considerevoli progressi e innovazioni.

 

MIGLIORAMENTO GENETICO

E COSTITUZIONE DI NUOVE VARIETA'

La società F.lli Menzo s.a.s. mira al miglioramento per via genetica sia della produttività che della qualità del frumento duro e delle leguminose da foraggio.

Al riguardo, nell'annata agraria 2003/2004 ha iscritto la varietà di Vicia sativa denominataEreica, nel 2006 la varietà di frumento duro denominata "k26", ed infine il 2011 ha proposto per l'iscrizione altre due varietà di frumento duro denominate "Isola" e "Orizzonte" (ottime per la pastificazione nonché per la panificazione); inoltre sono in prova di iscrizione altre varietà che la società spera di poter commercializzare al più presto.

Si vuole altresì sottolineare, in questo contesto, che la stazione sperimentale di Cerealicoltura per la Sicilia, ente che fin dal 1927 opera nel campo del miglioramento genetico del frumento duro, costitutrice della cv. Simeto (ancora oggi fra le varietà più coltivate in Italia), ha affidato in esclusiva alla società dei F.lli Menzo la moltiplicazione e la costituzione di Vicia narbonensis L. "Gran Veliero" e "Velox" (leguminosa da granella e da foraggio con ottime produzioni in ambiente caldo-arido) accordandole fiducia in virtù della  professionalità dimostrata.

Nell'ambito dell'attività di miglioramento genetico vengono realizzati i campetti sperimentali.

I campetti sperimentali sono il risultato del lavoro di selezione di un intero anno volto alla scrupolosa osservazione delle piante in ogni fase del loro ciclo biologico che culmina con la spigatura. Saranno le spighe migliori ad essere prelevate ed analizzate in fase di raccolta, e qualora dovessero avere caratteristiche quanti-qualitativi reputati idonei per l'ottenimento di varietà che possano ben adattarsi al nostro ambiente, verranno valutate nell'annata successiva con l'intento di monitorare se la pianta/incrocio stabilizzi nel tempo (F1....Fn) le caratteristiche per cui era stata presa in considerazione.

Il  campetto sperimentale, realizzato nell'annata agraria in corso esteso circa 3 ha, si compone di parcelle di varia misura, che variano da 1,5  3 ai 20 m2 a seconda della Fn e sono presenti dei corridoi che permetteranno il passaggio del personale qualificato per il costante monitoraggio. Corridoi e parcelle vengono realizzati grazie al lavoro di una seminatrice  parcellare regolabile dopo che il campo è stato opportunamente tracciato.

Le varie parcelle vengono identificate da bandierine colorate (gialle e blu) portanti un talloncino con un codice alfanumerico che permette al personale di poter catalogare e risalire ad ogni dato inerente la parcella stessa (tipo di incrocio iniziale, numero di generazione....), vista la grande quantità di incroci fatti.

Seguono le schede tecniche delle tre varietà iscritte:

La società in questa annata agraria 2011/2012 organizzerà, orientativamente nell'ultima decade di maggio, come periodicamente è avvenuto durante la propria attività di ricerca, un meeting per la promozione delle proprie varietà.

 

CONCLUSIONI

Il tirocinio svolto a contatto con personale qualificato è risultata proficua ed altamente formativa oltre che qualificante. Ho riscontrato nella pratica le nozioni apprese durante il corso di studi di genetica e coltivazioni erbacee ed effettuato ulteriori approfondimenti.

Credo che l'agricoltura siciliana debba qualificarsi e  continuare per diventare un fiore all'occhiello dell'agricoltura nazionale.

Bisogna gestire ogni settore dell'agricoltura con competenza e professionalità, ma anche con impegno e dedizione, così come avviene presso l'azienda F.lli Menzo che ho avuto modo di apprezzare nel corso della mia significativa esperienza.

 

Lo Studente

Marco Mingrino

Newsletter

Menu Principale